Pusher coltivava «erba» e nascondeva la droga in casa all'insaputa dei genitori

Ultimi articoli
Newsletter

Castelfidardo | in manette un ventunenne operaio incensurato

Pusher coltivava «erba» e nascondeva la droga
in casa all'insaputa dei genitori

Ieri pomeriggio verso le 14 i Carabinieri della stazione di Castelfidardo, dopo una serie di indagini, perquisivano un’abitazione a Castelfidardo sita in via I° Maggio

di Matteo Valeri

Tutto il materiale sequetrato dai Carabinieri
Tutto il materiale sequetrato dai Carabinieri
Il pusher era incensurato
Il pusher era incensurato

Altro caso di coltivazione di marijuana «domestica» scoperta dai carabinieri. Ieri pomeriggio verso le 14 i Carabinieri della stazione di Castelfidardo, dopo una serie di indagini, perquisivano un’abitazione a Castelfidardo sita in via I° Maggio. Nella stessa veniva rinvenuto in giardino un vaso contenente una pianta di marijuana alta quasi 2 metri. Nel bagno dell’abitazione venivano trovati nascosti dietro uno specchio anche 1 panetto da 52 grammi di hashish ed un bilancino di precisione, mentre nel garage gli uomini dei carabinieri scoprivano 76 semi di canapa indiana, che sarebbero stati impiegati per coltivare altre piante di marijuana, il materiale per il taglio ed il confezionamento con 1 grammo di eroina da fumo. A finire in manette il ventunenne incensurato Andriulo Andrea, nato a Francavilla Fontana (BR), sotto gli occhi dei genitori i quali erano ignari dell’attività illecita del proprio figlio. L'accusa è di Coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Tutto il materiale è stato sequestrato mentre il giovane è attualmente agli arresti domiciliari, come disposto dal Sostituto Procuratore Rosario Lionello della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, in attesa del processo per direttissima fissato per oggi.

Lunedì 19 agosto 2013

© Riproduzione riservata

1769 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: