Prima sconfitta stagionale per l'Ancona

Ultimi articoli
Newsletter

inutili i cambi di cornacchini nella ripresa

Prima sconfitta stagionale per l'Ancona

Il Giulianova passa al Del Conero grazie a un gol di Dos Santos al 44'

di Mirko Fraticelli

La coreografia dei tifosi dell'Ancona
La coreografia dei tifosi dell'Ancona

La diretta tv non porta bene all’Ancona che gioca la sua più brutta partita stagionale e viene battuta a domicilio dall’ottimo Giulianova. Un tiro e un gol per gli ospiti, ma i biancorossi non fanno molto di più: due sole parate per Melillo. Si può tranquillamente dire che, al di là del gol, gli eventi più importanti avvengono nel pre-partita, cioè la consegna di una targa alla figlia di Giancarlo Cadè e la deposizione sotto la Nord da parte di capitan Tavares di un mazzo di fiori in ricordo del tifoso Vincenzo Mengoni a sette anni dalla sua morte.

Il primo affondo della partita è del Giulianova. Esposito salta tutti gli avversari che lo affrontano sulla fascia sinistra e guadagna un calcio d’angolo sugli sviluppi del quale Di Iulio calcia ampiamente a lato. Al 16’ Barilaro crossa dalla destra, ma Sivilla non controlla e un difensore riesce a sbrogliare in corner; un’occasione da sfruttare meglio ma è stato il segnale che non sarebbe stata una grande giornata per l’Ancona. Ed, infatti, i biancorossi si riaffacciano in area ospite soltanto al 31’ quando Sivilla colpisce male di testa su assist di Bondi. L’opportunità più grande la crea D’Alessandro al 37’ concludendo, però, in maniera debole con la punta, tutto facile per Melillo. Al 44’ il gol che gela il Del Conero. Fantini lancia in profondità Dos Santos, la difesa dell’Ancona sbaglia a salire e l’attaccante non può fallire a tu per tu con Lori. Sarà l’unico tiro degli ospiti, ma sufficiente per portare a casa i tre punti.

Anche nella ripresa la prima offensiva è degli ospiti con Esposito che guadagna un angolo, sul quale svetta Dos Santos che non riesce a indirizzare in porta e nemmeno D’Orazio per pochi centimetri trova la deviazione decisiva. Passano pochi minuti e Cornacchini decide di cambiare tutto. Fuori Capparuccia e Sivilla dentro Morbidelli e Cazzola, con Mallus arretrato in difesa e la squadra schierata con un 4 – 4 – 2 molto offensivo, visto che gli esterni sono i due neo entrati. Ma la situazione non cambia. L’Ancona ci prova con tante difficoltà. Al 63’ è Tavares a fallire una ghiotta opportunità, su perfetto passaggio filtrante di Bambozzi, non riuscendo a controllare la palla. Allora Cornacchini prova a sbrogliare la matassa inserendo Degano per D’Alessandro con Morbidelli sulla linea di centrocampo insieme a Bambozzi. Ma anche questa mossa non porta frutti. Soltanto due occasioni. Un tiro di Morbidelli deviato in angolo all’89’ e un altro errore di Tavares che temporeggia troppo e si fa bloccare il tiro al 92’. Probabilmente l’aver schierato troppi giocatori fuori ruolo è stato un danno più che un valore aggiunto per la manovra offensiva.

Forse il risultato più giusto sarebbe stato lo 0 – 0 per il nulla che si è visto in campo, ma gli abruzzesi si sono difesi con ordine e sono stati cinici nello sfruttare l’unica vera occasione creata. Per l’Ancona si tratta della prima sconfitta stagionale. Sarà una settimana di polemiche.

Tabellini

Ancona: Lori, Barilaro, Di Dio, Mallus, Cacioli, Capparuccia (51’ Morbidelli), Sivilla (51’ Cazzola), D’Alessandro (63’ Degano), Tavares, Bondi, Bambozzi. A disp. Niosi, Cilloni, Fabi Cannella, Gelonese, Biso, Pizzi. All. Cornacchini.

Giulianova: Melillo, Del Grosso, Lo Russo, Di Iulio, Catalano, D’Orazio, Bianchini (90’ Zouhri), Fantini, Dos Santos (81’ Broso), Esposito (60’ Puglia), Berretti. A disp. Farnè, Venneri, Valentini, Di Gioacchino, Rinaldi, Rondina. All. Ronci.

Arbitro: Marco Minotti di Roma

Rete: 44’ Dos Santos

Ammoniti: Tavares (A) e Catalano, Fantini, Melillo, Di Iulio (G).

Calci d’angolo: 7 – 3.

Recupero: pt. 1’, st. 5’.

Sabato 23 novembre 2013

© Riproduzione riservata

1043 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: