«Trasferire la produzione all'estero sembra sia diventata oramai la panacea a tutti i mali»

Ultimi articoli
Newsletter

Fabriano | in merito alla ormai spinosa e controversa vertenza indesit

«Trasferire la produzione all'estero sembra sia
diventata oramai la panacea a tutti i mali»

La Federazione provinciale di Ancona di Sinistra Ecologia e Libertà esprime la propria solidarietà e sostegno a tutti i lavoratori che in questo momento sono a rischio occupazione

di Sinistra Ecologia e Libertà - Federazione Provinciale

Sel ha criticato le scelte di portare il lavoro all'estero
Sel ha criticato le scelte di portare il lavoro all'estero

La Federazione provinciale di Ancona di Sinistra Ecologia e Libertà esprime la propria solidarietà e sostegno a tutti i lavoratori che in questo momento sono a rischio occupazione. Dopo la crisi di interi settori produttivi, vedi la INDESIT Company di Fabriano altre decine di piccole e medie imprese del nostro territorio stanno chiudendo i battenti lasciando i lavoratori con l'unica speranza degli ammortizzatori sociali. Mai come in questo periodo i partiti possono e debbono svolgere una funzione di stimolo e proposta per il governo centrale, non dobbiamo limitarci a ricercare risorse per garantire il mantenimento degli ammortizzatori sociali, NON BASTA è necessario avanzare proposte, dobbiamo avviare una politica che punti alla centralità del lavoro come unico momento per creare sviluppo e economia. Trasferire la produzione all'estero sembra sia diventata oramai la panacea a tutti i mali, in realtà ha un solo obiettivo, aumentare i profitti delle imprese. Anche la Meccanica Generale di Jesi e San Paolo stà vivendo una fase di grave difficoltà occupazionale, sono stati annunciati esuberi per 14 unità su 88 , poi ridotti a 8, ma il punto non è solo il metodo con il quale è stata affrontata la riorganizzazione di una crisi che dura ormai da 4 anni, ma anche la proposta. In casi come questo della MG Group, dove ci troviamo di fronte a piccole e medie imprese locali, crediamo siano necessario procedere con forme volontarie e incentivate di mobilità e sicuramente non a forme di licenziamenti coatti. Per questo SEL esprime la propria solidarietà e sostegno a tutti i lavoratori a rischio d'occupazione e sosterrà tutte le iniziative di mobilitazione messe in campo dalle singole RSU

Lunedì 22 luglio 2013

© Riproduzione riservata

709 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: