Un ponte tra culture per Ancona

Ultimi articoli
Newsletter

Ancona | Tre spettacoli a partire da domani

Un ponte tra culture per Ancona

Fortemente voluta da Ponte tra Culture e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ancona, prende il via domani, 16 ottobre la rassegna teatrale dedicata alla città dorica Ponte tra culture per Ancona

di Comune di Ancona

L'ass Marasca ha sposato il progetto
L'ass Marasca ha sposato il progetto

Fortemente voluta da Ponte tra Culture e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ancona, prende il via domani, 16 ottobre la rassegna teatrale dedicata alla città dorica PONTE TRA CULTURE PER ANCONA che vede andare in scena tre spettacoli a raccontarne storia, tradizioni e vicende di oggi. In occasione dei 2400 dalla nascita della città, Ponte tra Culture desidera omaggiare il luogo, che la ospita fin dai suoi esordi, con il suo lavoro, frutto di ricerca, interviste, incontri e dialoghi con i suoi cittadini, i suoi user, con chi Ancona la vive, l’ha vista cambiare, ci lavora(va). L’Assessorato alla Cultura di Ancona ha sposato subito l’iniziativa, cogliendo l’importanza di ricordare le problematiche, i progressi e la voglia di crescita della città. Si inizia domani 16 ottobre con MAI DOMI! Ballata per un cantiere scritto da Matteo Osimani e diretto da Gianluca Barbadori. Lo spettacolo è un omaggio ai lavoratori del cantiere di ieri, oggi e domani, alle loro famiglie e a chi si è battuto per la dignità del lavoro. In scena i protagonisti stessi delle vicende narrate nel testo: gli operai della Fincantieri e gli esponenti della FIOM che hanno vissuto sulla loro pelle l’esperienza della Cassa Integrazione. Si prosegue il 25 ottobre con IL SOGNO DI STAMIRA ideato e diretto da Riccardo Balestra. La messa in scena vuole proporre un’interpretazione dell’assedio di Ancona del 1173 da parte delle truppe di Federico Barbarossa. In una gabbia di corde il popoloanconetano è costretto a vivere di stenti: nessuno può entrare e nessuno può uscire. Fuori dal perimetro di “salvezza” troneggiano i nemici di Ancona, Cristiano di Magonza, il suo cancelliere Cunino, e la flotta veneziana. Carichi di tensione, gli anconetani si dividono: chi è fautore dell’alleanza con l’impero germanico per porre fine alla sofferenza, e chi invece si fa portavoce della resistenza. Si conclude l’8 novembre con il terzo spettacolo TRAMARE TRAMONTI. Storia semiseria del mosciolo selvatico di Portonovo di Matteo Osimani con la regia di Gianluca Barbadori. Le vicende di un vecchio pescatore, un dialogo verosimile con i moscioli da lui raccolti e un viaggio dalla Vela al Trave costituiscono il motivo attraverso cui vengono raccontate le storie e gli antichi mestieri degli uomini nati all’ombra del Conero, pescatori, cuochi e contadini al tempo stesso, così come un espediente per descrivere le caratteristiche faunistiche e naturalistiche di questo splendido promontorio affacciato sul mare e narrare le leggende che lo caratterizzano. I tre spettacoli, prodotti dalla cooperativa Ponte tra Culture, verranno rappresentati al Teatro Sperimentale L. Arena di Ancona il 16 ottobre, il 25 ottobre e l’8 novembre. Inizio spettacoli ore 21. Prevendita aperta presso la biglietteria del Teatro delle Muse: Via della Loggia – 60121 Ancona tel. 071.52525 fax 071.52622 e-mail biglietteria@teatrodellemuse.org orario di apertura (dal 10 settembre 2013) dal martedì al venerdì 10-14.30 e 17.30-19.30 sabato 17.30-19.30 (e fino all'ora di inizio in caso di spettacolo) COSTO DEL BIGLIETTO: intero 12 €, ridotto 10 €. Mini abbonamento per 3 spettacoli 27 € Riduzioni praticate per Soci Coop, Soci Casa delle Culture, under 14 anni, over 65 anni, soci GT Recremisi, soci CGIL, FIOM, cassaintegrati 

Martedì 15 ottobre 2013

© Riproduzione riservata

808 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: